Assumere dipendenti disabili: sfide e incentivi

Posted on by

Disable Person in Wheelchair Working at Office. Disability Isometric People. Vector illustration

L’abolizione della politica del figlio unico risalente allo scorso gennaio ha generato ripercussioni significative sulla tutela nei confronti di soggetti disabili.

A seguito di proteste dei genitori con figlio portatore di handicap o gravemente malati, e quindi impossibilitati a prendersi cura degli stessi genitori in futuro, il Governo ha concesso un aumento del sussidio mensile. Questa notizia, diffusa ampiamente dai media occidentali, ha contribuito a far riemergere la discussione sul ruolo dei soggetti disabili nella società cinese e, in particolare, nel contesto occupazionale.

In occasione dei Giochi Paraolimpici del 2008, l’allora presidente Hu Jintato promise che il Paese avrebbe lottato per l’uguaglianza dei cittadini disabili, anticipando l’entrata in vigore di nuove leggi volte ad incentivare le società disposte ad assumere soggetti disabili.

Tuttavia, la scarsa diffusione sul territorio di tali incentivi da parte delle società straniere e il conseguente mancato utilizzo di questi da parte delle società domestiche, non hanno contribuito all’aumento del tasso di assunzione dei cittadini disabili cinesi.

Gli incentivi per chi assume dipendenti disabili

Come accade altrove, queste norme riguardanti gli incentivi per i lavoratori disabili prevedono agevolazioni ed esenzioni fiscali. Tuttavia, la loro applicabilita’ varia in base alla dimensione aziendale e all’ubicazione. A seguire, uno sguardo approfondito sugli incentivi.

^8FA36837F5AF325E88A11A6AF3DAFCC81B82AD042905DCA9FE^pimgpsh_fullsize_distr

Imposta sul reddito societario

In Cina, le società possono dedurre un anno di salario di un lavoratore non disabile dai ricavi sui cui pagano l’imposta sul reddito societario. Per i dipendenti disabili questa cifra si raddoppia. Se, a titolo esemplificativo, il salario annuo di un dipendente disabile corrisponde a RMB 100,000, la società potrà dedurre RMB 200,000 dal totale su cui paga l’imposta sul reddito societario.

Per risultare idonee ad usufruire di queste agevolazioni, le società devono soddisfare le seguenti condizioni:

  • Il dipendente disabile deve avere un contratto di lavoro o un contratto di servizio con la società valido per almeno un anno.
  • La società deve farsi carico dell’assicurazione sociale mensile del dipendente disabile.
  • Il salario del dipendente disabile non può essere minore del minimo salariale pagato ad un dipendente non disabile.

Nonostante i dipendenti disabili cinesi abbiano diritto ad una riduzione sull’imposta sul reddito individuale (Individual Income Tax – IIT), le autorità fiscali devono ancora dare esecuzione ad uno standard nazionale. La quota di riduzione è pertanto variabile di regione in regione, con aree con più affluenza che hanno diritto a deduzioni più consistenti. Di seguito, l’esempio di Canton, nella provincia del Guandong.

^534C5E1358D3C8B7EEDAC9324142F00F37754ABF442529275B^pimgpsh_fullsize_distr

Imposta sul valore aggiunto

I requisiti per usufruire di un’esenzione sull’imposta sul valore aggiunto (Value added tax – VAT) sono ampi. Non solo e’ richiesto che il 25 per cento della forza lavoro sia definibile disabile, ma la società deve anche avere un minimo di dieci dipendenti disabili. In pratica, ciò significa che l’esenzione è disponibile solo per grandi società. Se, ad esempio, la forza lavoro di una piccola startup con 16 persone ha nel suo staff  50 per cento di dipendenti disabili, non avrebbe comunque diritto all’esenzione sulla VAT.

Segnaliamo, inoltre, che le condizioni per risultare idonei all’ esenzione sull’IIT si applicano anche all’esenzione sulla VAT.

Quota minima di dipendenti disabili per società

Il Governo cinese ha stabilito una quota minima di dipendenti disabili che una società deve assumere, variabile a seconda della provincia. La quota non si applica alle società che abbiano meno di tre anni di attività e con una forza lavoro di meno di 20 persone.

Le societa che non raggiungono questi numeri devono versare una quota in un fondo chiamato Baozhang Jin (保障金).

La quota varia a seconda dell’ubicazione della società, ma la maggior parte delle aziende sceglie di versare una quota nel fondo piuttosto che assumere un numero fisso di dipendenti disabili.

La motivazione può essere la riluttanza nel voler integrare e formare un dipendente disabile. Tuttavia, il fatto che le società preferiscano ricorrere al Baozhang Jin, è una della cause della diminuzione del tasso di impiego dei lavoratori soggetti a disabilità.

Professional Service_CB icons_2015Servizi correlati: Payroll & Human Resource Services from Dezan Shira & Associates

Come viene definita la disabilità in Cina

La Legge sulla tutela dei dipendenti disabili in Cina segna un nuovo passo significativo nell’attivita’ legislativa che tutela i diritti dei soggetti diversamente abili.

Nel secondo articolo, la Legge definisce i soggetti disabili come coloro che presentano una “minorazione fisica o psichica o la perdita totale o parziale della capacità di eseguire determinate attività considerate normali”. Inoltre, viene specificato che i criteri per il riconoscimento della disabilità vengono stabiliti dal Consiglio di Stato.

 Prospettive future

Il quadro normativo delle agevolazioni previste per l’assunzione di dipendenti disabili è stato ampliamente revisionato a partire dai Giochi Paraolimpici del 2008 e leggi come quelle che regolano il fondo Baozhang Jin sono state implementate nell’ottobre dello scorso anno anno. La Cina mostra costanti sforzi volti a soddisfare gli standard previsti dalla Convenzione sul Lavoro e l’Educazione dei soggetti diversamente abili, approvata nel 1985 dall’Organizzazione Internazionale del Lavoro. Sono dunque attesi ulteriori sviluppi circa l’assunzione dei dipendenti disabili in Cina e l’implementazione delle agevolazioni ad essa connesse.

 


Chi
Siamo

Asia Briefing Ltd. è una controllata di Dezan Shira & Associates. Dezan Shira & Associates è una società di consulenza specializzata nell’assistenza agli investimenti diretti esteri per le società che intendono stabilire, mantenere e far crescere le loro operazioni in Asia. I nostri servizi includono consulenza legale e strategica all’investimento, costituzione e registrazioni societarie, tenuta contabile con redazione di bilanci periodici ed annuali, consulenza fiscale e finanziaria, due diligence, revisione contabile, gestione tesoreria, libri paga e personale, transfer pricing, consulenza IT, sistemi gestionali, deposito marchi e servizio visti. Per maggiori informazioni vi invitiamo a contattarci al seguente indirizzo: italiandesk@dezshira.com o a visitare il nostro sito: www.dezshira.com.

Per rimanere aggiornati sugli ultimi trend degli investimenti e del business in Asia, iscrivetevi alla nostra newsletter per ricevere notizie, commenti, guide e risorse multimediali.

 

Related Reading Icon-CB-Ita

Human Resources and Payroll in China 2015
This edition of Human Resources and Payroll in China, updated for 2015, provides a firm understanding of China’s laws and regulations related to human resources and payroll management – essential information for foreign investors looking to establish or already running a foreign-invested entity in China, local managers, and HR professionals needing to explain complex points of China’s labor policies.

 

CB_2016_04_Establishing_and_Operating_a_Business_in_China_2016Establishing & Operating a Business in China 2016
Establishing & Operating a Business in China 2016, produced in collaboration with the experts at Dezan Shira & Associates, explores the establishment procedures and related considerations of the Representative Office (RO), and two types of Limited Liability Companies: the Wholly Foreign-owned Enterprise (WFOE) and the Sino-foreign Joint Venture (JV). The guide also includes issues specific to Hong Kong and Singapore holding companies, and details how foreign investors can close a foreign-invested enterprise smoothly in China.

 

labor dispute managementLabor Dispute Management in China
In this issue of China Briefing, we discuss how best to manage HR disputes in China. We begin by highlighting how China’s labor arbitration process – and its legal system in general – widely differs from the West, and then detail the labor disputes that foreign entities are likely to encounter when restructuring their China business. We conclude with a special feature from Business Advisory Manager Allan Xu, who explains the risks and procedures for terminating senior management in China.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Never Miss an Update

Subscribe to gain even better insights into doing business throughout the China. Subscribing also lets you to take full advantage of all our website features including customizable searches, favorites, wish lists and gift functions and access to otherwise restricted content.

Scroll to top