Peculiarità del sistema di welfare cinese: l’Housing Fund

Posted on by

housing fund defDi Andrea Tonini

In Cina l’Housing Fund costituisce un particolare tipo di assicurazione sociale, che differisce dagli altri sistemi di welfare sia per il regime normativo che per quello amministrativo.

Fondato nel 1999, questo specifico fondo permette ai dipendenti cinesi di risparmiare tramite l’acquisto di una casa di proprietà, rappresentando così un mezzo per assicurare sicurezza sociale e stabilità nel Paese. Come accade per altri tipi di welfare, gli elementi chiave dell’Housing Fund vengono regolamentati a livello nazionale – Regulation on Management and Housing Provident Fund. Tuttavia, le amministrazioni regionali hanno ampia autonomia, la quale si estende anche sulla definizione dei tassi di contribuzione nel fondo.

 

L’Housing Fund e altre tipologie previdenziali

Il sistema di welfare e di previdenza sociale è regolamentato dal Ministero delle Risorse Umane e della Previdenza Sociale (MOHRSS), che è inoltre responsabile delle norme nazionali sul lavoro. Il MOHRSS disciplina un piano di welfare formato da cinque assicurazioni sociali: maternità, medica, pensione, infortuni sul lavoro e disoccupazione.

L’Housing Fund è generalmente incluso nel sistema di welfare cinese, nonostante venga amministrato separatamente dal Ministero degli Alloggi e dello Sviluppo Urbano-Rurale e dall’ente locale degli alloggi sociali. La differenza principale con le altre forme di previdenza risiede nel fatto che l’Housing Fund non ha un bacino sociale, ma viene versato direttamente sui conti personali dei dipendenti.

In aggiunta, l’ammontare può essere prelevato solo se utilizzato come caparra, per l’acquisto, la costruzione e il rinnovo di una casa, o per ripagare un mutuo. Dopo il pensionamento del dipendente, il saldo restante può essere riscattato e utilizzato liberamente.

 

Contributi

Come avviene per le altre assicurazioni sociali, sia il datore di lavoro che il dipendente sono tenuti a versare regolarmente un contributo all’Housing Fund. Il datore di lavoro deve contribuire tra il e 5 il 25 percento del salario mensile medio dell’anno precedente (es. dall’1 gennaio al 31 dicembre). L’attuale percentuale varia in base alla città o provincia. Il dipendente generalmente deve detrarre dal suo stipendio un contributo equivalente, che varia anch’esso da città a città. Il premio mensile è determinato in base al salario medio del dipendente nell’anno precedente e il rapporto di contribuzione statutario. L’ammontare del contributo massimo statutario è calcolato sulla base dello stipendio mensile medio dell’anno precedente nella città o provincia di riferimento.

Se il datore di lavoro non versa i contributi sul conto dell’Housing Fund del dipendente, l’ufficio di competenza invia un sollecito con indicata la data di scadenza del pagamento. Se il datore di lavoro non provvede alla modifica entro la scadenza, l’ufficio degli alloggi sociali farà istanza al Tribunale Popolare per applicare l’ordinanza.

In generale il dipendente non è responsabile per l’imposta sul reddito derivante dal contributo all’Housing Fund versato dal datore di lavoro. La situazione varia se il contributo è superiore di tre volte al salario medio della città o della provincia ed esso viene usato per calcolare l’imposta sul reddito.

 

Procedura                              

Registrazione del datore di lavoro

Le società appena costituite devono registrarsi presso l’Housing Fund Bureau entro 30 giorni dalla fondazione. La documentazione richiesta include la licenza commerciale, il certificato d’impresa e il documento d’identità del rappresentante legale. Dopo che la domanda è stata accettata, l’azienda riceverà il numero di un conto speciale su cui effettuare i pagamenti per il fondo. Entro 20 giorni dalla registrazione, l’azienda deve presentare la documentazione in una banca qualificata, per rendere automatici i pagamenti del contributo al fondo.

Quando un nuovo dipendente viene assunto, l’azienda deve registrarlo all’Housing Fund Bureau entro 30 giorni dalla data di inizio del lavoro. In alcune città del primo livello – come Shanghai e Pechino – le modifiche relative ai dati dei dipendenti possono essere fatte online. In altri casi invece l’azienda deve inviare un membro delle risorse umane all’Housing Fund Bureau locale per aggiornare le informazioni sul dipendente.

Se il datore di lavoro non costituisce un conto per l’Housing Fund per il dipendente o non completa la registrazione entro la scadenza, potra’ essere soggetto ad una multa tra RMB 10,000 e RMB 50,000.

 

Richiesta di prelievo del dipendente

Quando il dipendente vuole prelevare denaro dal suo fondo personale per gli alloggi sociali, il datore di lavoro deve verificare la richiesta ed emettere un certificato di prelievo. Dopodichè il dipendente invia la richiesta di prelievo all’Housing Fund Bureau, che dovrà approvarla o respingerla entro tre giorni dalla presentazione; tuttavia le norme locali variano ampiamente in merito ai prelievi dal fondo.

 

Related Link IconPer saperne di più: Social Security: What a Foreign Company Needs to Know

 

Conclusione

L’Housing Fund è una peculiarità del sistema di welfare cinese e permette ai dipendenti di risparmiare quando si tratta di pagare e mantenere la propria abitazione. Alcune recenti riforme hanno reso possibile l’utilizzo dei risparmi del fondo anche per altri scopi, come per cure mediche urgenti. L’implementazione di alcune modifiche ha causato disordini in alcune aree; recentemente, a Zhongshan e Dongguan si annotano proteste contro la regolamentazione locale che ha reso più difficile l’incasso del fondo dopo aver rassegnato le dimissioni.

Il datore di lavoro deve quindi assicurarsi di pagare la corretta percentuale al fondo e deve controllare attentamente le norme vigore nella città di riferimento legata alla sua attività.

 


Chi
Siamo

Asia Briefing Ltd. è una controllata di Dezan Shira & Associates. Dezan Shira & Associates è una società di consulenza specializzata nell’assistenza agli investimenti diretti esteri per le società che intendono stabilire, mantenere e far crescere le loro operazioni in Asia. I nostri servizi includono consulenza legale e strategica all’investimento, costituzione e registrazioni societarie, tenuta contabile con redazione di bilanci periodici ed annuali, consulenza fiscale e finanziaria, due diligence, revisione contabile, gestione tesoreria, libri paga e personale, transfer pricing, consulenza IT, sistemi gestionali, deposito marchi e servizio visti. Per maggiori informazioni vi invitiamo a contattarci al seguente indirizzo: italiandesk@dezshira.com o a visitare il nostro sito: www.dezshira.com.

Per rimanere aggiornati sugli ultimi trend degli investimenti e del business in Asia, iscrivetevi alla nostra newsletter per ricevere notizie, commenti, guide e risorse multimediali.

 

Related Reading

 

Human Resources and Payroll in China 2015
This edition of Human Resources and Payroll in China, updated for 2015, provides a firm understanding of China’s laws and regulations related to human resources and payroll management – essential information for foreign investors looking to establish or already running a foreign-invested entity in China, local managers, and HR professionals needing to explain complex points of China’s labor policies.

 

CB 2015 1 issue cover 90x126

Employing Foreign Nationals in China
In this issue of China Briefing, we have set out to produce a guide to employing foreign nationals in China, from the initial step of applying for work visas, to more advanced subjects such as determining IIT liability and optimizing employee income packages for tax efficiency. Lastly, recognizing that few foreigners immigrate to China on a permanent basis, we provide an overview of methods for remitting RMB abroad.

 

CB 2015 1 issue cover 90x126

How to Restructure an Underperforming Business in China 
In this issue of China Briefing magazine, we explore the options that are available to foreign firms looking to restructure or close their operations in China. We begin with an overview of what restructuring an unprofitable business in China might entail, and then take an in-depth look at the way in which a foreign company can go about the restructuring process. Finally, we highlight some of the key HR concerns associated with restructuring a China business.
Share this:

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Never Miss an Update

Subscribe to gain even better insights into doing business throughout the China. Subscribing also lets you to take full advantage of all our website features including customizable searches, favorites, wish lists and gift functions and access to otherwise restricted content.

Scroll to top