Il Piano di Integrazione dello Yangtze River Delta

Posted by Reading Time: 7 minutes

A cura dell’Italian Desk di Dezan Shira & Associates

Autore: Mark Preen        Tradotto da: Giuseppe Crisafulli

Hangzhou-bridge

Shanghai è solitamente considerata la città più internazionale ed economicamente importante della Cina. Nel 2017, ha registrato un prodotto interno lordo (PIL) di 3,01 trilioni di RMB (circa 475 US$) – il più alto di tutte le città cinesi. Lo Yangtze River Delta, situato attorno Shanghai, è un importante sbocco internazionale e uno dei motori economici più potenti per il paese. Oltre alla municipalità di Shanghai, la regione dello Yangtze River Delta racchiude le provincie dello Jiangsu e dello Zhejiang, ed ultimamente anche la provincial di Anhui. L’intera regione ricopre un’area di 211,770 km2 – due volte più grande della Corea del Sud.

Al momento, lo Yangtze River Delta è la regione più ricca pro capite, e nel 2016 ha generato un PIL di 17.72 trilioni di RMB (US$2.76 trilioni) – quasi il 20% del PIL nazionale. È responsabile di un terzo degli import ed export della Cina, e ha una popolazione di circa 150 milioni di persone – o, in altre parole, l’11% della popolazione cinese totale. La regione è destinata a giocare un ruolo sempre più rilevante per l’economia cinese con i suoi piani di trasformazione in un agglomerato metropolitano di importanza mondiale. Nel 2010, il Consiglio di Stato cinese ha approvato un piano che mira a rendere la regione dello Yangtze River Delta ancora più competittiva, in modo da trasformarsi in agglomerato metropolitano entro il 2030. Tuttavia, per raggiungere tale obbiettivo, dovrà competere con altri agglomerati cinesi, ovvero il Pearl River Delta e la regione Beijing-Tianjin-Hebei, e superare una serie di sfide  che ne possono limitare l’integrazione.

Piani d’integrazione

La regione Yangtze River Delta è stata una delle prime in Cina a svilupparsi e aprirsi al mondo, motivo per cui adesso è ben nota per i propri settori competitivi e innovativi. Ad esempio, l’industria automobilistica è ben radicata nella regione, con Shanghai e le altre province limitrofe contribuendo al suo successo. Ad ogni modo, ogni provincia nella regione ha i propri vantaggi in aree specifiche. Shanghai è centro logistico e finanziario dell’intera Cina, mentre le provincie dello Jiangsu e dello Zhejiang detengono una forte capacità manufatturiera. Quest’ultime sono famose per la presenza di un grosso numero di parchi industriali, in città quali Hangzhou e Suzhou, e gli elevati livelli di investimenti diretti esteri che sono in grado di attrarre. La provincia di Anhui ha un’abbondante disponibilità di risorse naturali, per cui è un grande fornitore di energia e carbone per la costa est della Cina.

CB-China's-Yangtze-River-Economic-Belt Affinché il progetto dello Yangtze River Delta sia di successo, le province e le città all’interno della regione avranno bisogno di cooperare l’una con l’altra e di concentrarsi sui propri vantaggi comeptitivi, in modo da evitare duplicazione, così che ogni area complementi l’altra e che le sinergie vengano massimizzate. Nel giugno 2018, le autorità di Shanghai, Zhejiang, Jiangsu e Anhui hanno firmato un piano d’azione triennale (2018-2020), che prevedrà una road map strategica comprendente una dozzina di progetti di collaborazione in modo da aumentare la competitività su scala globale. In parallelo, il Fondo di Vantaggio Collaborativo dello Yangtze River Delta, dal valore di 100 milioni di RMB (16 miliardi di US$), è stato costituito a Shanghai. I primi 10 miliardi di RMB (1,6 miliardi di US$) sono stati resi disponibili nella prima fase per le i progetti tecnologici (hard-technologies) che permetteranno alle industrie della regione di integrarsi. Oltre a concentrarsi sui propri punti di forza, la regione dovrà utilizzare le proprie abilità innovative per sviluppare nuovi vantaggi comparativi nel settore dei servizi moderni e della manifattura avanzata. La regione giocherà un ruolo da leader nel prossimo step dello sviluppo economico della Cina, ovvero salire nella catena del valore produttivo, sviluppando le industrie prioritarie delineate nel piano industriale “Made in China 2025”. I settori prioritari che verranno sviluppati dallo Yangtze River Delta includono quelli delle navi ad alta tecnologia, veicoli a nuove energie, apparecchiature elettroniche, ferrovia avanzata, tecnologia medica, aeronautica e aerospaziale, e ICT. Oltre a ciò, le autorità turistiche di Shanghai hanno recentemente annunciato che mirano a fare dell’intera regione dello Yangtze River Delta una meta turistica di fama internazionale. Le città e le varie attrazioni turistiche all’interno della regione saranno incoraggiate a integrarsi seguendo diversi piani, tra cui un sistema integrato regionale di car rental, e l’emissione di un biglietto singolo che permette l’accesso al’intera regione. Data l’inclinazione della regione ad attrarre tecnologie straniere per sviluppare i propri settori chiave, la regione è fonte di molteplici opportunità per gli investitori stranieri. Gli attuali parchi industriali e le due Aree di Libero Scambio (free trade zones o FTZs) saranno le principali fonti di supporto per lo sviluppo della regione e principali fonti di attrazione di investimenti stranieri.

Related Link IconPer saperne di più: Investing in Inland China: Assessing Chongqing’s Industrial Zones

Sviluppo delle infrastrutture

Le infrastrutture giocheranno un ruolo chiave per l’integrazione di Shanghai e delle altre 25 città all’interno del conglomerato, e per il collegamento della regione con il resto del mondo. L’infrastruttura dello Yangtze River Delta è in qualche modo altamente sviluppata. La regione ospita nove aeroporti internazionali ed è ulteriormente connessa da una vasta rete di ferrovie ad alta velocità, inclusa la linea intercity Shanghai-Nanchino, che collega anche Suzhou, Wuxi, Changzhou, e Zhenjiang. I porti di Shanghai e Ningbo sono due dei porti più trafficati al mondo, respettivamente 1o e 4o nella classifica mondiale del 2016 dei porti con più traffico di container. Questi due porti sono anche parzialmente collegati da un ponte che si estende per 35 km lungo la baia di Hangzhou, il 12o più lungo del mondo. Ad ogni modo, nonostante la presenza di robuste infrastrutture, il governo pianifica di sviluppare la regione ulteriormente. Il completamento del Hangzhou-Taizhou Expressway è stimato entro la fine del 2019, mentre la linea ferroviaria ad alta velocità tra Hangzhou e Wenzhou – lunga 331 kilometri – sarà completata entro il 2021. Quest ultima sarà in grado di ridurre il tempo di viaggio tra le due città da 3 ore a 55 minuti. Inoltre, il canale subacqueo del fiume Yangtze – lungo 12,5 metri – sarà esteso fino a Nanchino, in modo da assicurare che navi da 50,000 tonnellate possano raggiungere Nanchino e rafforzarne il ruolo di centro logistico.

La Cintura Economica dello Yangtze River

Quello dello Yangtze River Delta è in sé un progetto ambizioso. Ad ogni modo, quello che è ancor più degno di nota, è che il governo Cinese intende estendere le potenzialita` del progetto. Più precisamente, il governo intende raggiungere focalizzare i propri sforzi sul progetto “Golden Waterway” della Cintura Economica dello Yangtze River, annunciato originariamente nel 2016. Lo Yangtze River ricopre più di 2 milioni di km2; circa 40% della popolazione nazionale e circa il 45% del suo GDP sono situati lungo le sue coste. Altri due conglomerati che intersecano il fiume, ovvero il Middle Yangtze (concentrato su Wuhan) e lo Yangtze Upper (concentrato su Chongqing) sono importati punti focali e si collegheranno con lo Yangtze River Delta per rafforzare ulteriormente la colonna vertebrale dell’economia cinese. Il progetto mira ad aprire le regioni centrali e occidentali alla costa orientale, e di conseguenza, al resto del mondo. Le attività commerciali localizzate sulla costa potranno muoversi verso ovest, dove potranno beneficiare di salari più bassi e incentivi finanziari offerti dal piano “Go West”. La capacità industriale sarà gradualmente trasferita dallo Yangtze River Delta alle regioni dell’Hinterland, permettendogli di conseguenza di riscattarsi dello stato di industrie di scarsa qualità ed altamente inquinanti, muovendosi nella direzione delle industrie ecologiche e di alta qualità. Il Presidente Xi Jingping e altre figure rilevanti hanno ripetuto che il progetto intende focalizzarsi sulla salvaguardia dell’ambiente piuttosto che sulla crescita rapida, attraverso l’adozione di nuovi meccanismi di crescita. Inoltre, la Cintura Economica dello Yangtze River collegherà la regione dello Yangtze River Delta a Chongqing, situata presso una sezione della Nuova Via della Seta in cui un ulteriore ambizioso progetto prende vita: l’iniziativa Belt and Road. La Cintura Economica dello Yangtze River ha la potenzialità di ridurre le diseuguaglianze tra le regioni costali economicamente piu’ dinamiche e le più povere e isolate regioni centrali. Sono già stati registrati i primi segni che vedono una riduzione di tali disparità, a testimonianza del fatto che la percentuale delle province con il PIL più alto e quelle con il PIL più basso è scesa da 4,3% (nel 2012) a 3,6% (nel 2016).

Professional Service_CB icons_2015Servizi correlati: Consulenza Pre-Investimento e di Strategia d’Ingresso

Ostacoli e Opportunità

Integrazione è la parola chiave per ogni agglomerato. Per quanto riguarda la regione dello Yangtze River Delta, c’è un diffuso ottimismo dato che la regione possiede già delle infrastrutture estese e all’avanguardia, ed è il nido di molti settori di successo. Comunque, l’integrazione rimane una sfida a causa dell’intesa magnitudine ed i tipici scontri tra autorità provinciali e prefetturiali che cercano di accaparrarsi il maggior numero di progetti e investimenti pongono un ulteriore ostacolo. Questi ostacoli sono ancora più grandi per la Cintura Economica dello Yangtze River, dato il suo ampio respiro. La Cintura include tre agglomerati, due municipalità (Shanghai e Chongqing), e nove province, ma rimane sprovvista di infrastrutture interconnesse e sviluppate, inclusi collegamenti ferroviari e autostradali inefficenti. In ogni caso, ad ogni ostacolo corrisponde un’ opportunità. Per iniziare, gli investitori stranieri possono aumentare la loro partecipazione nello svluppo delle infrastrutture e presentare i loro progetti nelle aree in cui le reti infrastrutturali sono deboli o inesistenti. I piani per lo Yangtze River Delta sono chiaramente ambiziosi e si scontrano con diversi ostacoli. Se anche la Cintura Economica viene inclusa nell’equazione, questi ostacoli e ambizioni sono ancora più grandi di quelli affrontati dagli altri due agglomerati cinesi che aspirano a raggiungere la fama internazionale: il Pearl River Delta e la regione Beijing-Tianjin-Hebei. Tuttavia, Shanghai e le province dello Zhejiang e del Jiangsu forniscono una buona base, che non solo può essere usata per supportare lo sviluppo del Yangtze River Delta, ma anche per lo sviluppo della sua Cintura Economica. Inoltre, le imprese straniere nella regione possono beneficiare della iniziativa anche se non sono direttamente coinvolte nel suo sviluppo. Lorena Miera, International Business Advisory Associate presso l’ufficio di Shanghai di Dezan Shira & Associates, ha osservato: “Una maggiore integrazione normativa e logistica fra diverse giurisdizioni avrà l’effetto di migliorare il clima imprenditoriale della regione”. Miera continua, “Ciò potrà essere di aiuto, per esempio, ad un’azienda straniera che ha sede centrale a Shanghai ma ha rapporti di business con una fabbrica in una città limitrofa”. Sebbene possa sembrare più plausibile che le ambizioni di tale agglomerato, piuttosto che quelle della Cintura, si concretizzino, bisogna notare che entrambi i progetti, e l’ampiezza del loro successo, dipendono l’uno dall’altro. Se entrambi i progetti si riveleranno di successo, allora la regione diverrà unica, in termini di influenza e di portata economica.


Chi Siamo Asia Briefing Ltd. è una controllata di Dezan Shira & Associates. Dezan Shira & Associates è una società di consulenza specializzata nell’assistenza agli investimenti diretti esteri per le società che intendono stabilire, mantenere e far crescere le loro operazioni in Asia. I nostri servizi includono consulenza legale e strategica all'investimento, costituzione e registrazioni societarie, tenuta contabile con redazione di bilanci periodici ed annuali, consulenza fiscale e finanziaria, due diligence, revisione contabile, gestione tesoreria, libri paga e personale, transfer pricing, consulenza IT, sistemi gestionali, deposito marchi e servizio visti. Per maggiori informazioni vi invitiamo a contattarci al seguente indirizzo: italiandesk@dezshira.com o a visitare il nostro sito: www.dezshira.com. Per rimanere aggiornati sugli ultimi trend degli investimenti e del business in Asia, iscrivetevi alla nostra newsletter per ricevere notizie, commenti, guide e risorse multimediali.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *