Dal bollettino legale: Al via la nuova legge cinese sulla sicurezza alimentare, prevista per ottobre 2015

Posted by Reading Time: 4 minutes
China-Regulatory-Brief

Nell’aprile 2014, l’Assemblea Nazionale del Popolo  ha approvato e pubblicato la modifica alla legge sulla sicurezza alimentare, la quale entrera’ in vigore il 1 Ottobre 2015. Salutata come una delle leggi piu’ severe sulla sicurezza alimentare di sempre, il testo richiede alle societa’ che operano nel settore alimentare di istituire un sistema di auto-esaminazione e tracciabilita’. I venditori di prodotti alimentari online saranno obbligati per legge a fornire ai clienti informazioni circa il nome reale, l’indirizzo ed il contatto del distributore. Le norme circa i prodotti alimentari per l’infanzia si sono inasprite ulteriormente. Ai produttori di latte in polvere per bambini viene imposto l’obbligo di informare l’ente nazionale per l’alimentazione ed i farmaci (China Food and Drug Administration –  CFDA) circa le materie prime, gli additivi e, naturalmente, quanto destinato ad informare il consumatore a mezzo delle etichette. La sicurezza alimentare e’ divenuto un tema fondamentale a partire dallo scandalo melamina del 2008, in cui latte in polvere contaminato causo’ alcuni decessi e danni permanenti alla salute di 300 mila bambini.

Nuove categorie di prodotti beneficiano di tariffe d’importazione ridotte

Entro la fine di giugno 2015 il Consiglio di Stato cinese (State Council) prevede di attuare la riduzione delle tariffe di consumo per alcuni prodotti tra i quali cosmetici ed abbigliamento. L’intento e’ quello di incoraggiare il commercio estero ed il consumo interno. Al contempo saranno istituiti nuovi esercizi duty-free e saranno concesse nuove tipologie di rimborsi. Allo stato attuale, la tassa di importazione sui cosmetici e’ del  50%. Il prezzo dei beni di lusso e sempre piu’ beni di largo consumo originati dall’estero, raggiungono il 20% in piu’ rispetto al paese di origine.

Related Link IconPer saperne di più: La Cina revoca gli incentivi fiscali per gli investitori stranieri

Nuovi requisiti per l’ottenimento dello status di General VAT Taxpayer

Il 30 Marzo 2015, il fisco cinese (lo State Administration of Taxation – SAT) ha emanato un regolamento in materia di ottenimento dello status di General VAT Taxpayer, permettendone l’ottenimento a mezzo di una domanda, anziche’ sottoponendosi alla consueta procedura di intervista. Secondo la norma, infatti, entrata in vigore il 1 Aprile 2015, i contribuenti potranno ottenere lo status di General VAT Taxpayer presentando mera domanda all’ufficio locale delle imposte ed allegando il relativo certificato di registrazione (tax registration certificate). La novellata procedura risulta cosi’ semplificata: in precedenza, l’ottenimento dello status di General VAT Taxpayer prevedeva un colloquio, un’ispezione in loco estemporanea e non annunciata nella sede della societa’, ed una verifica della licenza all’emissione delle ricevute (fapiao).

Annunciati nuovi incentivi fiscali per la Corporate Income Tax nella Qianhai Zone (Guangdong)

Il 29 Aprile 2015, l’ufficio delle imposte di Shenzhen ha pubblicato una “Guida alle politiche fiscali preferenziali per la Corporate Income Tax (CIT) nella Qianhai zone” (Guide to Preferential Corporate Income Tax (CIT) Policies for Enterprises in Qianhai Shenzhen-Hong Kong Modern Service Industry Cooperation Zone).  Secondo la guida, le societa’ che operano in specifici settori indicati dal governo potranno presentare domanda al fine di beneficiare di una CIT al 15 percento. Occorre menzionare come questa riduzione sia applicata nel caso in cui l’azienda soddisfi criteri a volte particolarmente stringenti. Inoltre, segnaliamo che tale riforma e’ stata approvata dal Consiglio di Stato (State Council), il quale, dal Dicembre 2014, autorizza le politiche fiscali emesse dalle autorita’ locali.


Chi
Siamo

Asia Briefing Ltd. è una controllata di Dezan Shira & Associates. Dezan Shira & Associates è una società di consulenza specializzata nell’assistenza agli investimenti diretti esteri per le società che intendono stabilire, mantenere e far crescere le loro operazioni in Asia. I nostri servizi includono consulenza pre-investimento e strategia d’ingresso, consulenza finanziaria, revisione contabile, amministrazione tesoreria, fiscalità e compliance, gestione libri paga e del personale, procedure per visti e registrazione marchi, insieme a consulenze circa le complessità che il mercato asiatico richiede. Per maggiori informazioni vi invitiamo a contattarci al seguente indirizzo: italiandesk@dezshira.com o a visitare il nostro sito: www.dezshira.com.

Per rimanere aggiornati sugli ultimi trend degli investimenti e del business in Asia, iscrivetevi alla nostra newsletter per ricevere notizie, commenti, guide e risorse multimediali.

 

Related Reading Icon-CB-Ita

Tax, Accounting, and Audit in China 2015
This edition of Tax, Accounting, and Audit in China, updated for 2015, offers a comprehensive overview of the major taxes foreign investors are likely to encounter when establishing or operating a business in China, as well as other tax-relevant obligations. This concise, detailed, yet pragmatic guide is ideal for CFOs, compliance officers and heads of accounting who must navigate the complex tax and accounting landscape in China in order to effectively manage and strategically plan their China operations.

CB 2015 1 issue cover 90x126

Using China’s Free Trade & Double Tax Agreements
In this issue of China Briefing, we examine the role of Free Trade Agreements and the various regional blocs that China is either a member of or considering becoming so, as well as how these can be of significance to your China business. We also examine the role of Double Tax Treaties, provide a list of active agreements, and explain how to obtain the tax minimization benefits on offer.

 

Industry Specific Licenses and Certifications in China
In this issue of China Briefing, we provide an overview of the licensing schemes for industrial products; food production, distribution and catering services; and advertising. We also introduce two important types of certification in China: the CCC and the China Energy Label (CEL). This issue will provide you with an understanding of the requirements for selling your products or services in China.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *