Italian

Gli straordinari in Cina: quadro normativo e modalità di pagamento

Posted on by

La questione degli straordinari é complessa e spesso controversa. É quindi consigliabile che i datori di lavoro comprendano le leggi cinesi legate agli straordinari cosí da evitare possibili criticità giuslavoristiche. Così come per altri temi critici alla conduzione di operazioni in Cina, anche questo è un argomento che richiede particolare attenzione.

La materia è disciplinata dal Codice del Diritto del lavoro (People’s Republic of China Labor Law). I dipendenti possono lavorare per non oltre otto ore al giorno. A fronte di questo dato, il numero di ore può essere esteso in particolari circostanze. Secondo quanto disciplinato dall’articolo 41 del Codice sul lavoro, i datori di lavoro devono consultarsi con le associazioni sindacali per accordarsi sugli straordinari. In caso di accordo, ai dipendenti è consentito lavorare per un periodo di tempo superiore alle otto ore. Tuttavia, anche quando gli straordinari vengono concessi, è importante ricordare che il numero di ore di straordinario non può essere superiore a tre. Inoltre, il Codice prevede un tetto di trentasei ore mensili di straordinario, che corrispondono ad un massimo di nove ore alla settimana. Continue reading…

Pubblicata la bozza di legge sul Transfer Pricing: documentazione e requisiti

Posted on by

Il 17 Settembre 2015, la China’s State Administration of Taxation (SAT) ha rilasciato la nuova bozza della Circolare 2, “Implementation Measures for Special Tax Adjustment”, che sostituirà l’attuale legge Guoshuifa [2009] No.2. La Circolare riporta le nuove norme circa le procedure di transfer pricing insieme ad altre regolamentazioni anti-evasione.

In accordo con il progetto Base Erosion and Profit Shifting (BEPS), lanciato dall’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE), la bozza presenta tre nuove sezioni: monitoraggio e gestione, transazioni intangibili e servizi intra-gruppo, e aggiornamenti sulla documentazione di transfer pricing. Tenendo come riferimento i principi guida alla base del progetto BEPS, evidenziamo di seguito le peculiarità rilevate nella bozza cinese e le principali novità introdotte nella documentazione richiesta durante la preparazione delle operazioni di transfer pricing. Continue reading…

Il trattato commerciale tra Cina e Hong Kong

Posted on by

Il 27 novembre 2015 è stato firmato un trattato commerciale sui servizi tra la Cina e Hong Kong all’interno del precedente CEPA (“Mainland and Hong Kong Closer Economic Partnership Arrangement” del 2003), che entrerà in vigore a partire dal 1 giugno 2016. Lo scopo del trattato consiste nell’agevolazione dello scambio di servizi tra le due regioni, rimuovendo le attuali barriere di accesso al mercato.

Il CEPA già prevede una clausola per cui i prestatori di servizi di Hong Kong (che perlopiù dispongono di vantaggi competitivi – quali standard professionali, lingua, ecc.) possono godere di un regime di favore qualora costituiscano una società in Cina nel settore dei servizi, attualmente in rapida crescita. Tali incentivi prevedono il permesso di costituire società a capitale interamente straniero (cd. WFOE – Wholly Foreign-Owned Enterprise) con requisiti inferiori di capitale sociale, alleggerendo le restrizioni sulle partecipazioni al capitale di rischio, sulle locazioni geografiche e sull’oggetto sociale. Essenzialmente, tale accordo agevola l’accesso al mercato cinese ai prestatori di servizi di Hong Kong. Continue reading…

Il Giorno dei Single in Cina e gli acquisti online: la realtà dietro le statistiche

Posted on by

La festa annuale dei single in Cina viene tradizionalmente utilizzata come pretesto per vendere in sconto la merce sulle piattaforme e-commerce e tale pratica ha riscosso particolare successo quest’anno, registrando ricavi pari a RMB 91 miliardi (USD 14.3 miliardi), ossia il 60 per cento in più rispetto all’anno precedente. Il record dell’anno passato è stato superato in 14 ore dall’inizio della giornata, generando USD 1.4 miliardi di ricavi nei primi otto minuti della giornata e USD 5 miliardi nei primi 90 minuti. Per paragonare la portata dell’evento, si pensi che l’anno scorso gli eventi Black Friday e Cyber Monday negli USA hanno generato vendite per USD 4 miliardi, cioè meno di un terzo. Continue reading…

Il posizionamento strategico dei marchi premium in Cina

Posted on by

Quando si vuole entrare nel mercato cinese, bisogna tenere presente che il posizionamento strategico può influire sulla percezione che i consumatori cinesi hanno del prodotto. L’elevata diffidenza dei cinesi nei confronti dei prodotti locali permette di trasformare semplici beni di consumo stranieri, compresi i prodotti alimentari, in veri e propri beni di lusso, strappando così al mercato un prezzo più elevato.

Al fine di meglio posizionare i prodotti come beni di lusso, numerose società confidano in accorte strategie di marketing, comunicazione e packaging per richiamare l’attenzione dei consumatori. Yili Diary, per esempio, utilizza i colori tradizionali cinesi che simboleggiano la ricchezza e la fortuna, il rosso e l’oro, per far risaltare i suoi prodotti tra gli scaffali dei supermercati e sui cartelloni pubblicitari delle metro. Oppure, il latte della Yili, nelle pubblicità, è presentato in eleganti caraffe e bicchieri da vino, nel tentativo di associare il prodotto caseario al mercato del lusso vinicolo. Continue reading…

Dal bollettino legale: procedure semplificate per pre-approvazione del nome societario, livelli minimi salariali 2015 della città di Hangzhou

Posted on by
China-Regulatory-Brief

Ad ottobre 2015, l’Administration for Industry and Commerce (AIC) ha dichiarato che a partire dal 1 novembre 2015 sara’ possibile per le società completare le procedure di pre-approvazione della ragione sociale online. In precedenza, medesima richiesta veniva presentate di persona e richiedeva la consegna in originale dei documenti. Secondo la normativa vigente, invece, le società in via di costituzione potranno fare domanda per la pre-approvazione del nome online attraverso il sistema di registrazione societario dell’AIC, caricando le copie dei documenti richiesti. A seguito dell’approvazione, la società potrà ritirare il certificato di pre-approvazione del nome all’ufficio locale dell’AIC e completare la registrazione societaria. Inoltre, anche le procedure per il cambio del nome della società sono state semplificate. Continue reading…

Annual Audit and Compliance in China 2016 – Nuova pubblicazione di China Briefing Magazine

Posted on by

L’ultima pubblicazione di China Briefing Magazine, intitolata “Annual Audit and Compliance in China 2016”, è ora disponbile nell’ Asia Briefing Bookstore, scaricabile gratuitamente nel mese di ottobre.

Contenuti:

  • China’s Annual Audit and Compliance Requirements
  • The Annual Audit Compliance Process for FIEs in China
  • Q&A: The Benefits of Starting Your China Audit Early

L’inizio del nuovo anno rappresenta un periodo febbrile per le società straniere in Cina. Le licenze annuali devono essere rinnovate, spesso nuove regolamentazioni entrano in vigore e, soprattutto, le società devono preparare le revisioni legali dei conti annuali.

L’ottemperanza degli obblighi legali di conformità è un requisito che tutte le società a capitale estero in Cina devono soddisfare. Nonostante le maggioranza delle procedure di revisione sia ormai in linea con le pratiche internazionali, in Cina permangono alcune idiosincrasie procedurali in grado di mettere in difficoltà gli operatori stranieri. Continue reading…

Proteggersi dalla volatilità del RMB in Cina

Posted on by

Dato il crescente utilizzo del Renminbi (RMB) come moneta di scambio internazionale, numerose società straniere hanno iniziato a trattare con la valuta cinese. All’inizio del 2015, il RMB era la quinta valuta più commerciata al mondo e la seconda in riferimento al cd. “credito documentario”, una forma di pagamento in uso nel commercio internazionale.

Tale esposizione alla valuta cinese, sommata alla necessità di interagire con altri mercati (e quindi, con diverse valute), ha comportato un rilevante e crescente rischio di volatilità dei tassi per le società a capitale straniero operanti in Cina. Una variazione dei tassi di cambio può infatti causare un aumento dei costi ed andare ad erodere i margini di profitto. Continue reading…

Scroll to top